Prestiti immediati per cattivi pagatori e protestati: passi per ottenerli subito

Può capitare di trovarsi in una situazione economica precaria, e dover far fronte a numerose spese. Se ci troviamo in una simile situazione, l’unico modo di uscirne al più presto è quello di richiedere un prestito. Spesso però le pratiche per ottenerlo sono lunghe ed estenuanti, soprattutto per protestati e cattivi pagatori. Quando un finanziamento ha carattere di urgenza, dovremo fare di tutto per accorciare l’iter di richiesta. In questo articolo troveremo dei metodi veloci e sicuri per ottenere in fretta il denaro di cui abbiamo bisogno. Seguendo alla lettera questi passi, e facendo tesoro dei consigli, potremo ricevere i soldi anche in poco più di 24 ore. Queste dritte sono da mettere in atto anche in caso di soggetti protestati o cattivi pagatori.

Documentazione necessaria

Prima di svolgere ogni tipo di richiesta, è bene munirsi della giusta documentazione. Sapendo già di cosa avremo bisogno, non ci troveremo impreparati al momento della domanda ufficiale. Per ottenere un prestito personale è necessario fornire alla banca:

  • un documento di identità valido;
  • il codice fiscale;
  • copia delle ultime due buste paga (in caso di lavoratori) o gli ultimi cedolini della pensione (se il richiedente è un pensionato).

Una volta che avremo tutti questi documenti sotto mano, potremo procedere alla compilazione della domanda. La banca riceverà la richiesta, e si appresterà a elaborarla. Di solito ci vogliono circa 24 ore per esaminare tutti i file, ed eseguire i controlli sul richiedente. Trascorso questo lasso di tempo, la finanziaria ci darà un esito – che sia positivo o meno.

Svolgere la pratica online

La prima cosa da fare per accorciare le tempistiche, è quella di fare richiesta su internet. Compilando la domanda online, risparmieremo tempo alla banca, ma anche a noi stessi. Oggi è possibile farlo comodamente da casa, e in pochissimi minuti. Basta recarsi sul sito della finanziaria o banca prescelta, selezionare il prestito che fa al caso nostro e cliccare sul pulsante per la richiesta. Il sito ci reindirizza su un modulo da compilare, a cui andranno allegati i documenti sopra citati. Per l’intera operazione non ci vorranno che 5-10 minuti in tutto. Una volta finito di scrivere, invieremo la domanda direttamente all’istituto di credito. Questo eseguirà i controlli del caso, e fornirà al richiedente una risposta in brevissimo tempo.

Sebbene il modulo di richiesta può essere stilato online, per sottoscrivere il prestito a tutti gli effetti bisogna comunque recarsi in banca. Se l’esito è positivo, l’istituto di credito ci invita a parlare con un consulente finanziario in sede. Qui potremo firmare il contratto, rendendo esecutivo il prestito. A questo punto il denaro di cui abbiamo bisogno verrà versato sul nostro conto corrente entro poche ore.

Rivolgersi alla giusta finanziaria

La scelta della finanziaria non è da sottovalutare in caso di ricerca urgente. Possiamo rivolgerci alla banca presso la quale abbiamo un conto corrente, oppure sceglierne un’altra. I principali istituti di credito sono la Compass, Findomestic, BancoPosta e Agos. Tutte queste finanziarie offrono una vasta gamma di prestiti tra cui scegliere quello adatto a noi. Inoltre dispongono tutte di un servizio online, dove potremo richiedere il finanziamento in pochi istanti, seguendo le istruzioni precedenti. Questo è molto importante se abbiamo bisogno di denaro in fretta. Inoltre tutte le finanziarie citate offrono soluzioni anche per protestati e cattivi pagatori in cerca di credito.

Per scegliere al meglio un prestito conveniente, possiamo servirci del simulatore. Questo ci fornisce un preventivo gratuito in pochi secondi, in modo tale da confrontare le spese. Esistono anche dei siti creati appositamente per trovare l’offerta migliore tra milioni di finanziamenti con caratteristiche simili.

Chiedere una cifra modesta

Se vogliamo ottenere del denaro in breve tempo, non dovremo richiedere cifre astronomiche. Più alto è il valore del prestito, più i tempi di lavorazione della pratica saranno lunghi. Inoltre molto spesso dei finanziamenti troppo esosi sono inaccessibili a protestati e cattivi pagatori. Per evitare questi inconvenienti, possiamo richiedere un prestito di piccola portata. Così facendo avremo anche più chance di ricevere un feedback positivo, in quanto l’investimento da parte della banca è minimo. Ogni istituto di credito applica le sue tariffe secondo la sua politica interna, ma in generale il tetto massimo da non superare in questi casi è di 10.000 euro. Al di sotto di questa cifra sarà possibile riscattare il denaro in poco più di 24 ore.

Il minimo da richiedere in prestito solitamente sono 500 euro. In caso di spesa improvvisa e urgente, è possibile richiedere e ottenere un piccolo prestito in breve tempo. Essendo una piccola cifra, non dovremo fornire particolari garanzie alla banca, e viene concesso anche a protestati e cattivi pagatori.

Fornire garanzie solide

Se abbiamo dei trascorsi economici problematici, la banca potrebbe tentennare nel concederci un nuovo prestito. In caso di soggetti protestati o cattivi pagatori, questa realtà potrebbe privarli della possibilità di ottenere credito. Per ovviare al problema, e ottenere in fretta un finanziamento, dovremo appoggiarci a solide garanzie. A seconda del tipo di prestito prescelto queste garanzie possono essere di diversa natura. Tra le più comuni troviamo:

  1. stipendio o pensione. Il richiedente fa leva sulle sue entrate mensili, che devono essere regolari e cospicue. In caso di cattivi pagatori possiamo optare per una cessione del quinto. Questo metodo di pagamento automatico permette alla banca di trattenere la rata mensile direttamente dalla paga del debitore. Facile e sicuro, le possibilità di mancato pagamento sono nulle. Bisogna comunque possedere un contratto di lavoro a tempo indeterminato, o una pensione INPS per ottenerlo;
  2. bene immobile o di valore. Se non abbiamo uno stipendio, o siamo lavoratori autonomi, dovremo trovare altre garanzie. Per esempio possiamo impegnare un bene di valore, o ipotecare un immobile. In caso di mancato pagamento la banca pignora i beni del debitore, per rientrare dei soldi. Anche in questo caso i rischi corsi dalla finanziaria sono nulli;
  3. garante o fidejussore. In questo caso sarà una terza persona a garantire per noi. In caso di insolvenza la banca ha diritto a rifarsi sul garante per saldare il debito. La finanziaria sarà ripagata dal debitore o dal fidejussore, per l’intero importo dovuto.

Tramite una garanzia stabile dovremo permettere alla banca di fidarsi delle nostre risorse. Azzerando i rischi, questa ci concederà il finanziamento anche se risultiamo protestati o cattivi pagatori.

Conclusioni

Anche per protestati e cattivi pagatori è possibile ottenere in fretta un prestito. Per farlo è necessario tenere a mente poche e semplici “regole”, che ci faranno ricevere il denaro in breve tempo. La prima cosa da fare è recarsi su internet, e confrontare vari tipi di prestito grazie al simulatore. Dopo aver scelto il prestito perfetto per noi, dovremo compilare la domanda online. In questo modo le tempistiche si accorciano, e la pratica viene lavorata in poco tempo. Inoltre si abbattono i costi del prestito, e subiremo tassi di interesse minori. Una volta che la banca ha dato esito positivo alla nostra richiesta, potremo firmare il contratto. Dopodiché nel giro di poche ore avremo i soldi di cui abbiamo bisogno. Fornendo le giuste garanzie alla finanziaria, anche protestati e cattivi pagatori otterranno credito. Per avere più possibilità è bene richiedere una cifra modesta. Per i prestiti sotto i 10.000 euro i tempi di lavorazione della pratica sono brevi, e i controlli sul richiedente meno rigidi. Facendo attenzione a queste piccole accortezze le nostre possibilità di successo aumenteranno del 100 %.

Ti è piaciuto il post?