Prestiti cattivi pagatori firma singola

I cattivi pagatori spesso hanno molte difficoltà a ottenere credito da banche e finanziarie. Coloro che hanno avuto problemi in passato a saldare un debito molto raramente ottengono di nuovo fiducia da istituti di credito. Questo accade perché in caso di insolvenza del debito, il prestatore segnala il nominativo del cattivo pagatore alle autorità di competenza. Così facendo si finisce per essere segnalati nel registro CRIF, e una volta comparsi nella lista difficilmente ci si redime. Per venire incontro a questa categoria di persone, sempre più banche e finanziarie escogitano modi per prestare soldi anche a coloro che precedentemente non li hanno restituiti.

PROTESTATOCATTIVO PAGATORE
Un protestato è colui che ha pagato un debito con un assegno scoperto o non ha saldato una cambialeQuando si salta una o più rate di un prestito, si paga in ritardo un debito, si diventa cattivi pagatori iscritti al registro CRIF

Il prestito a firma singola è uno dei tanti escamotage a cui un cattivo pagatore può ricorrere in caso di necessità. Ma cos’è di preciso un simile prestito? Come funziona? Chi può accedervi?

Che cos’è un prestito a firma singola?

QUALI GARANZIE OFFRIRE?IN QUANTO TEMPO SI OTTIENE IL PRESTITO?QUANTO SI OTTIENE?
Per questo tipo di prestito possiamo usare lo stipendio o pensione, un bene di valore o il nostro conto corrente come garanziaCollegandosi online, e compilando le scartoffie su internet, si accorciano notevolmente i tempi di rilascio del prestito stessoSolitamente si ottiene un massimo di 30.000 euro

Per capire bene di cosa si tratta, e come e perché i cattivi pagatori possono ottenere tale prestito, bisogna partire dal principio. Un prestito a firma singola è un finanziamento in cui il richiedente non fornisce alla banca garanzie provenienti da terze persone. Questo significa che non c’è un garante, o un fidejussore, ad assicurare alla finanziaria che il debitore salderà il prestito. Di conseguenza, la banca non può rifarsi su un’altra figura in caso di mancato pagamento. Il prestatore quindi richiederà un altro tipo di garanzia, che possa ricondursi al beneficiario del prestito. Molto spesso si usa la busta paga o la pensione per svolgere questa funzione. Un prestito simile è facile da ottenere, in quanto il richiedente offre garanzie solide alla banca. Inoltre grazie a internet è anche molto veloce, e in breve tempo possiamo ottenere un prestito (anche se risultiamo cattivi pagatori). Esistono diversi tipi di prestito a firma singola, e i più comuni sono quello con pegno o con credito revolving, oppure ancora la cessione del quinto. Anche se ogni banca applica le proprie regole, solitamente con questo tipo di finanziamento si possono ottenere al massimo 30.000 euro.

Prestito a firma singola con pegno

Come anticipato, questo è uno dei metodi più usati per quanto riguarda i prestiti a firma singola. Ma in cosa consiste? In breve, questo finanziamento prevede che il beneficiario ponga come garanzia un bene o un oggetto di valore. Tale risorsa viene momentaneamente ceduta alla banca, come pegno da parte del richiedente. In caso di mancato pagamento, la banca prende possesso del bene e lo rivende per poterci ricavare quanto gli spetta. Se invece il beneficiario del prestito estingue per tempo il suo debito, tale bene torna di sua proprietà.

Questo tipo di prestito non prevede che il beneficiario abbia un garante o fidejussore. Possono accedervi anche i disoccupati e gli iscritti al registro CRIF.

VALORE DEL PRESTITORATA MENSILETAN FISSO
500 euro500 euro con interessi e spese istruttorie (se si risolve tutto in un'unica soluzione)16.71 %

Prestito a firma singola con credito revolving

Il credito revolving è utilizzato soprattutto per piccole spese. In questi casi la banca presso cui si possiede un conto corrente, ci mette a disposizione un credito aggiuntivo da sfruttare. Pagando con la carta di credito sarà possibile, entro il tetto massimo imposto dalla banca, spendere tale cifra. Se per esempio ci viene offerto un credito di mille euro, potremo fare acquisti per un massimo di 999 euro. I soldi verranno anticipati dalla banca, che il correntista poi risarcirà poco alla volta. Il capitale ci verrà concesso ogni tot mesi (a discrezione della banca) e potremo ottenerlo di nuovo solo dopo aver saldato il precedente debito. Questa soluzione è ideale per chi ha bisogno di liquidità in poco tempo.

Tale prestito viene concesso anche ai cattivi pagatori, purché abbiano documenti in regola e un conto in una banca che si occupa di credito revolving.

VALORE DEL PRESITTORATA MENSILETAN  
1500 euro130 euro4 %

Prestito a firma singola con cessione del quinto

Un ultimo ed efficace metodo di ottenere un prestito con firma singola è quello di optare per la cessione del quinto. In questo caso sarà il nostro stipendio o la pensione a fungere da garanzia per la banca. Mostrando regolari documenti, sarà possibile ottenere credito dalla finanziaria, e risarcirla mensilmente grazie a un’entrata fissa. Il valore totale del prestito, e l’importo della rata mensile, vengono calcolati in base al reddito del richiedente. La banca presta soldi al lavoratore o pensionato, e viene risarcita trattenendo una quota dallo stipendio o pensione. Tale rata non può essere maggiore della quinta parte dello stipendio. Per esempio, con una paga di 1000 euro, possiamo risarcire la banca con rate mensili di massimo 250 euro. In questo modo la spesa mensile è rapportata alle nostre esigenze e possibilità, e offriremo alla banca una garanzia stabile e solida.

Questo tipo di prestito è perfetto per i cattivi pagatori, in quanto offre la salda garanzia di un’entrata fissa al mese. La banca può trattenere il denaro che gli spetta direttamente dal conto corrente del debitore. Ovviamente per accedervi bisogna possedere un contratto di lavoro a tempo indeterminato, o una pensione INPS.

VALORE DEL PRESTITORATA MENSILETAN
13.000 euro144 euro5.95 %

Come ottenere un prestito a firma singola in caso di cattivi pagatori?

Come abbiamo visto, anche se siamo cattivi pagatori, possiamo comunque ottenere credito dalle banche. Ci sono molti modi per ottenere un prestito in questi casi, e di alcuni ne abbiamo già parlato. Per quanto riguarda i prestiti a firma singola è bene dire che sono veloci e semplici da ottenere. Richiedere un simile finanziamento è facile, soprattutto grazie all’avvento di internet. Ad oggi basta collegarsi online per confrontare immediatamente decine di offerte diverse di varie banche. Nel caso di cattivi pagatori, alcune finanziarie si rifiuteranno di concedere prestiti. Questo perché, già in precedenza, il soggetto ha mancato la parola lasciando un debito insoluto. Nonostante questo, molti istituti di credito sono propensi a concedere un simile prestito a cattivi pagatori, soprattutto se hanno poi risarcito il prestatore (anche se in ritardo).

Protestati lavoratori dipendenti

Per i protestati che hanno un lavoro fisso, le possibilità di ottenere un prestito è abbastanza concreta. Avendo un impiego stabile, questa categoria di individui può far leva sulla busta paga per ricevere del denaro in prestito. Infatti sarà proprio questo documento a fare da garanzia alla banca. Anche i cattivi pagatori possono accedere a un prestito, se sono dipendenti a tempo indeterminato. In questo caso la scelta migliore è quella di optare per un prestito con cessione del quinto (di cui abbiamo già parlato).

C’è una distinzione tra i lavoratori dipendenti pubblici e privati. Nel primo caso, i richiedenti avranno agevolazioni e le banche saranno più propense a concedere loro dei finanziamenti. Nel caso di dipendenti privati ottenere un simile prestito è comunque facile, ma i beneficiari non subiranno lo stesso trattamento di favore dei primi.

Protestati lavoratori autonomi

Questa categoria di persone ha meno possibilità di ottenere un finanziamento con firma singola, soprattutto se registrati come cattivi pagatori. Un lavoratore autonomo, o libero professionista, non gode di un’entrata fissa. I suoi guadagni cambiano, spesso anche notevolmente, di mese in mese. Le sue finanze quindi sono instabili, cangianti e soggette a subire violente variazioni. Per questa ragione le finanziarie sono restie a concedere loro prestiti. Potrebbe quindi essere molto difficile riuscire a sottoscrivere un prestito a firma singola. In queste circostanze spesso si ricorre alla figura di un garante o di un fidejussore, specialmente se risultiamo cattivi pagatori.

Protestati pensionati

Come nel caso dei lavoratori dipendenti, i pensionati protestati possono fare affidamento sulla loro pensione. Questa funge da garanzia, anche nel caso di prestiti personali con firma singola. Un quinto della pensione INPS del richiedente viene ceduta alla finanziaria, a mo’ di risarcimento. La banca che concede il prestito quindi lo farà di buona leva, in quanto è certa di rientrare della sua spesa. Questo accade anche se il beneficiario del prestito ha avuto in passato problemi finanziari, o è iscritto al registro CRIF. Scegliendo di sottoscrivere questo tipo di prestito spesso si può usufruire di agevolazioni offerte dall’ente che elargisce la pensioni, in convenzione con la banca.

I prestiti ai pensionati sono molto convenienti, hanno un tasso di interesse minimo e non prevedono particolari garanzie se non la pensione degli stessi. Anche i protestati possono accedervi senza problemi.

Conclusione

Esistono vari tipi di prestiti a firma singola, che possono essere sottoscritti anche da chi risulta cattivo pagatore. Ogni banca o finanziaria ha le sue regole interne, ma in generale questi finanziamenti sono convenienti. Per prestiti del genere non c’è bisogno di coinvolgere terze persone, e come unica garanzia viene preso in considerazione il reddito o i beni del richiedente. Tutti possono accedervi, ma è bene specificare che i dipendenti pubblici e i pensionati ottengono molto più facilmente questo tipo di prestito (anche se sono cattivi pagatori). Invece i dipendenti autonomi o precari, i disoccupati e i dipendenti privati cattivi pagatori potrebbero non riuscire a ricevere il prestito.

Svolgendo le pratiche di domanda e compilazione dei moduli online, le tempistiche di rilascio del prestito si accorciano notevolmente. Anche se per la sottoscrizione ufficiale bisogna comunque recarsi in sede, compilare queste scartoffie a casa è di aiuto. Inoltre sempre su internet è possibile confrontare i prestiti che ci offrono varie banche, scegliendo quello che ci stimola di più.

Ti è piaciuto il post?