Prestiti a protestati in Svizzera

Per coloro che risiedono all’estero o lavorano poco fuori i confini italiani, i prestiti a protestati in Svizzera possono suscitare un certo interesse nel momento in cui, di fronte a determinati disguidi finanziari che rendono particolarmente difficoltoso l’accesso al credito in Italia, si vuole provare ad ottenere un capitale nel Paese elvetico, che presenta in effetti una serie di opportunità di finanziamento per i lavoratori italiani. Tuttavia quelli che vengono definiti prestiti per frontalieri necessitano di una serie di requisiti stringenti che mal si accordano con chi si trova nella condizione di aver subito protesti per assegni oppure per cambiali non onorate: e allora vi sono davvero possibilità di prestiti per protestati in Svizzera?

Prestito cambializzato in Svizzera

Quello che in gergo tecnico viene definito prestito cambializzato o prestito cambiario giunge in soccorso a chi è stato iscritto nel Registro dei Protesti e non ha altre opportunità per trovare liquidità immediata per risolvere le proprie criticità finanziarie o realizzare i progetti che si ha in mente senza dover aspettare il lungo iter di cancellazione automatica dall’archivio dati. Per ottenere un prestito a protestati in Svizzera

bisogna recarsi presso una filiale bancaria nel Canton Ticino per aprire un conto corrente e sottoscrivere il finanziamento proposto alle condizioni economiche previste in terra elvetica, che non differiscono di molto da quanto si potrebbe ottenere anche in Italia.

Le difficoltà nel reperire un capitale da parte di chi ha subito protesti è riscontrabile in qualsiasi mercato internazionale, per cui anche in Svizzera non è facile avere concrete opportunità di credito a fronte i disguidi finanziari precedenti, tuttavia vale la pena di fare un tentativo rivolgendosi agli enti creditizi locali.

Caratteristiche e condizioni del finanziamento

Fermo restando che ogni istituto ha le proprie linee guida generali anche riguardo i prestiti per protestati in Svizzera, proviamo a tracciare un quadro abbastanza dettagliato circa le caratteristiche e le condizioni finanziarie solitamente proposte dal circuito bancario elvetico per quanto riguarda i prestiti cambializzati, che vengono erogati alle seguenti categorie di soggetti:

  • Lavoratori dipendenti
  • Lavoratori autonomi
  • Liberi professionisti
  • Pensionati

Grazie anche a un efficiente processo di digitalizzazione che consente di effettuare ogni operazione on line, un prestito cambializzato in Svizzera può essere erogato entro le 24 ore o poco più dall’invio della documentazione personale e di reddito richiesta, e attraverso i moduli di contatto è possibile ottenere subito un riscontro circa il preventivo e l’effettiva possibilità di ottenere un capitale da parte di chi è stato segnalato nei registri come protestato. Il tasso di interesse applicato mediamente oscilla tra il 7 e l’8 per cento, e si possono ottenere fino a 300.000 franchi svizzeri, pari a circa 282.000 euro, importi assai allettanti in quanto ben superiori a quanto viene erogato sul territorio nazionale, che non supera al massimo i 50.000 euro. Il tasso di interesse è fisso per tutta la durata del rimborso, che varia da un minimo di 6 mesi a un massimo di 84 mesi.

Prestito con cambiali, rischi e opportunità

Quando si decide di affrontare un finanziamento con l’ausilio di cambiali è bene sapere a quali rischi e a quali opportunità di credito si va incontro: anche se molto spesso si può rivelare l’unica concreta chance di prestiti a protestati in Svizzera, non bisogna sottovalutare le inside che sono insite in questo tipo di finanziamento, in particolare

in caso di mancato saldo delle cambiali vedersi pignorati i beni di proprietà da parte dell’istituto di credito attraverso procedure semplificate. È molto importante pertanto essere sicuri di poter onorare gli impegni di rimborso del debito contratto, alle condizioni finanziarie previste.

Il suggerimento degli esperti è di provare a richiedere una cifra congrua non solo alle proprie necessità ma anche alle effettive possibilità di restituzione, per non trovarsi invischiati in guai finanziari ancora più grossi. Il vantaggio del prestito cambializzato è senz’altro nella relativa facilità di ottenere rapidamente una somma di denaro senza requisiti troppo selettivi, e senza nemmeno bisogno di una figura terza che funga da garante nella maggioranza dei casi, ma in Italia come in Svizzera è bene valutare attentamente la convenienza, e magari farsi fare più preventivi in modo da poter scegliere la proposta finanziaria migliore e più adatta alle nostre tasche.

Esempi di Istituti di Credito svizzeri

Chiudiamo la nostra panoramica sui prestiti a protestati in Svizzera dando qualche spunto circa i possibili istituti di credito elvetici a cui rivolgersi per richiedere eventualmente finanziamenti cambializzati, se sono previsti dall’istituto in questione e a quali condizioni. Iniziamo col dire che i requisiti richiesti variano in base ad ogni singola banca: ad esempio Flash Credit, che eroga prestiti anche a condizioni agevolate sia in filiale che on line attraverso il sito web, richiede come requisiti primari la residenza o il permesso per frontalieri di almeno 3 anni, avendo pertanto una busta paga in franchi svizzeri, con un importo minimo dello stipendio che deve essere almeno di 2500 franchi. Generalmente l’importo richiedibile è compreso  tra i 1000 e i 200.000 franchi svizzeri.

Condizioni molto simili vengono prospettate anche da Eurofinservice, che propone tassi di interesse dal 7,9 al 9,9 per cento, e un ottimo servizio per invio della domanda di finanziamento e della documentazione on line: gli importi richiedibili con tale finanziaria arriva anche a 250.000 franchi svizzeri.

Una delle società più rinomate e di crescente successo è ChKredit, che funge però come servizio di prestiti tra privati, per cui non dovrebbero esserci opportunità di credito per i protestati. In ogni caso a puro titolo informativo segnaliamo che eroga credito a tutti i titolari di regolare permesso di soggiorno, con un importo minimo richiedibile di 1000 franchi arrivando a un massimo di 300.000.

Infine segnaliamo un ultimo istituto di credito elvetico a cui provare a rivolgersi per ottenere prestiti a protestati in Svizzera, ed è Multicredit, che eroga dai 3.000 ai 300.000 franchi svizzeri con una durata del rimborso da 12 a 84 mesi, ma richiede come reddito minimo mensile netto almeno 2900 franchi svizzeri. Queste sono pertanto alcune delle possibilità di credito che si possono ottenere in Svizzera per i frontalieri e per i residenti, tenendo sempre presente, è bene sottolinearlo ancora una volta, che la condizione di protestati comporta necessariamente delle restrizioni e difficoltà nell’accesso al credito, e che solo attraverso un prestito personale con cambiali è possibile effettivamente avere chance su una concessione di denaro mediante finanziamento.

Ti è piaciuto il post?